DSCN5517
La Bellezza del Castello dell’Airone Bianco.

 

 

2008.4-9(5) 2003

 

Il Castello di Himeji, l’Airone Bianco del Giappone.

Il Castello di Himeji (姫路城 Himejijō ).

Si trova a Himeji città della Prefettura di Hyōgo in Giappone.

Dal 11 dicembre del 1993 è stato inserito nell’Elenco dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO.

Con i Castelli di Kumamoto e Matsumoto fa parte dei famosi  Tre Castelli Giapponesi.

Conosciuto anche come il Castello dell’Airone Bianco ( Hakurojō oppure Shirasagijō ) per via delle sue mure esterne di un Bianco brillante.

E’ uno splendido edificio a scopo militare ed è una delle più vecchie strutture militari dell’Epoca Sengoku (戦国時代 Sengoku jidai) che siano giunte intatte fino a noi.

 

 

DSCN6447
L’Esercito Imperiale schierato nella piazza d’Armi del Castello di Himeji
DSCN6450
Monumento dedicato al Colonello Nakamura.

 

DSCN6457
Le condizioni disastrose del Castello di Himeji agli inizi del 900.

DSCN6458
Lavori di restauro del secolo scorso.

 

Il periodo Sengoku, è l’Epoca Feudale Giapponese degli Stati Combattenti durata più di cento anni, cento anni di guerre frà i vari staterelli in cui era diviso il Giappone.

Il periodo inizia nel 1467 e termina nel 1590.

DSCN6456
Le condizioni del Castello ai primi del 900.
DSCN6491
Una mappa del Periodo Feudale.
DSCN6463
all’interno del Castello esistevano anche i servizi.

DSCN6459 DSCN6460 DSCN6461 DSCN6468 DSCN6488 DSCN6489 DSCN6490

 

Il Castello di Himeji è il classico esempio di castello Giapponese, contiene molte delle strutture difensive ed architettoniche presenti nelle fortificazioni feudali Giapponesi.

Le alte fondazioni in pietra, i muri bianchissimi trattati con un intonaco resistente agli incendi, la disposizione e l’organizzazione degli edifici all’interno del complesso come le postazioni per l’artiglieria e gli arcieri, i fori per il lancio di pietre ed olio bollente contro i nemici ed infine la più importante e famosa struttura difensiva del Castello di Himeji.  Il Labirinto di stradine che conduce al Maschio Centrale.

Le porte d’accesso, i bastioni e le mura esterne sono state studiate e costruite in modo da condurre le forze nemiche che volessero avvicinarsi al Castello in un percorso a spirale con numerosi vicoli ciechi.

Questo permetteva ai difensori del Castello di tenere sotto tiro gli attaccanti lungo tutto il periodo del loro tentativo di avvicinamento.

Il Castello di Himeji comunque NON è MAI stato attaccato in questo modo. Perciò questo ingegnoso sistema difensivo non ha potuto dare prova della sua efficacia.

DSCN6455
Soldati dell’Esercito Imperiale Giapponese.

 

DSCN6453
il Colonello Ishimoto Shinroku.

 

DSCN6445
il Colonello Nakamura Shigeto.

 

2008.4-9(5) 1265
Il Tempio Shintoista all’ultimo piano del Castello.
DSCN6341
Foto aerea del Centro di Himeji. Si nota l’area del Castello circondata da fossati e mura.
DSCN6346
Foto aerea del centro di Himeji. Si nota bene l’area verde in alto dove si trova il castello. in basso si trova la stazione ferroviaria della città
2008.4-9(5) 1273
Plastico del Castello di Himeji nel Periodo Feudale.
2008.4-9(5) 1260
Foto presa dal Maschio del Castello. in alto a destra si trovano gli appartamenti dove ha vissuto la Principessa Sen.
DSCN2019
Armature di Samurai in esposizione al Castello.

 

Breve Storia del Castello di Himeji.

Il Castello venne progettato e costruito durante l’Epoca Nanbokucho ( 南北朝時代)

Periodo storico conosciuto anche come Periodo delle Corti del Nord e del Sud che va dal 1336 al 1392 che vide l’esistenza e la contrapposizione di Due Corti Imperiali combattersi aspramente per il Diritto ed il Privilegio di Governare il Giappone.

In questo periodo il Castello di Himeji era conosciuto come Castello di Himeyama.

Nel 1346 Akamatsu Sadanori pianificò la costruzione del castello ai piedi del Monte Himeji, nel punto dove Akamatsu Norimura aveva costruito il Tempio di Shomyoji.

Dopo che Akamatsu cadde in seguito alla Ribellione Kakitsu, nel 1441 il Clan Yamana si impossessò per breve tempo del Castello di Himeji.

Ma dopo la Guerra Ōnin (応仁の乱 Ōnin no Ran ) 1467 – 1477, la fortezza di Himeji torno al Clan Akamatsu.

Nel 1580 Toyotomi Hideyoshi si impossessò del castello e Kuroda Yoshitaka costruì una torre di 3 piani a scopo difensivo.

Nel 1601 la Battaglia di Sekigahara (関ヶ原の戦い Sekigahara no tatakai, ), combattuta il 21 ottobre del 1600, scontro Fondamentale per la Storia del Giappone.

Vide la Vittoria Decisiva di Tokugawa Ieyasu (徳川 家康), questi si garantì il controllo di tutto il Giappone dando inizio allo Shogunato Tokugawa (徳川幕府 Tokugawa bakufu,  che Governò il Paese in modo stabile dal 1603 al 1868.

Tokugawa Ieyasu diventato di fatto Padrone del Giappone, assegnò il Castello di Himeji a un suo Daimyo, Ikeda Terumasa.

Ikeda, iniziò un grande progetto di espansione e fortificazione del Castello, un progetto durato 7 anni, alla fine del quale la Fortezza aveva grosso modo la forma che è giunta fino ai giorni nostri.

L’Ultima grande costruzione del castello di Himeji fù ultimata nel 1618.

2008.4-9(5) 1936
Una suggestiva immagine notturna del Castello di Himeji
2008.4-9(5) 1706
Castello di Himeji. Patrimonio dell’Umanità.
2008.4-9(5) 2113
Mura esterne e fossato.
2008.4-9(5) 1823
Mura esterne lato Nord
2008.4-9(5) 1294
Cortile interno del Castello, adibito al Seppuku ( Harakiri )
DSCN6388
Disegno di come era una delle porte delle mura perimetrali nel Periodo Feudale.
2008.4-9(5) 1225
Stradina del Labirinto che porta al Maschio Centrale del Castello.

 

Il Castello di Himeji è stato uno degli ultimi possedimenti dei Tozama Daimyo (外様大名 tozama daimyō ) i Signori Feudali Giapponesi.

Alla fine del Periodo Edo ( Shogunato Tokugawa dal 1603 al 1868 ) era ancora in mano agli ultimi discendenti di Sakai Tadasumi.

 

Nel 1868 con la Restaurazione Meiji. Il potere tornò nelle mani dell’Imperatore Meiji, il quale diede inizio al Periodo Meiji (明治時代 Meiji jidai, ” Periodo del Regno Illuminato )

Il nuovo Governo Imperiale perciò nel 1868 mandò un’ Esercito da Okayama, agli ordini di uno dei discendenti di Ikeda Terumasa, con l’ordine di espellerne gli occupanti senza daneggiare il Castello.

 

Nel 1871 viene Abolito il Sistema Han.

In pratica i Feudi vennero Soppressi per completare la Centralizzazione dello Stato Imperiale.

L’Epoca dei Samurai era FINITA.

 

IMG_1960
Impalcature per i Lavori di Restauro del Castello. 2009-2015
IMG_1921
Impalcature per il Restauro 2009-2015

2008.4-9(5) 1286
La Principessa Sen con la Sua ancella.
2008.4-9(5) 1275
Le feritoie da cui i nemici venivano messi sotto tiro dagli archibugi. Ed i ” ventagli ” quelle due lunghe fessure sulla sinistra da dove venivano gettate pietre ed olio bollente sugli incauti che tentavano la scalata delle mura.
2008.4-9(5) 1271
Sala interna del Maschio Centrale.
2008.4-9(5) 1246
Fucili d’Epoca Feudale.
IMG_1915
Impalcature per il Restauro. 2009-2015.
IMG_1907
Impalcature per il Restauro 2009-2015, viste dalla piazza d’armi del Castello.

 

 

Nel 1871 il Castello di Himeji venne venduto all’asta e comprato dallo stato per 23 yen dell’epoca.

Nel 1873 il Nuovo Governo Imperiale, entrato in possesso del vasto patrimonio demaniale dei Samurai procedette con la scelta dei Castelli da Salvare e quelli da Distruggere.

Per poter costruire sui resti dei Castelli le nuove caserme dell’Esercito Imperiale.

Per questo motivo, alcuni dei corridoi e delle porte del Castello furono distrutti per fare spazio alla Caserma dell’Esercito Imperiale.

Era prevista anche da parte di alcuni politici la Totale Demolizione del Castello di Himeji.. Dato che ormai tutti i Castelli erano diventati obsoleti e la loro conservazione era troppo costosa per il Governo.

Ma per fortuna nel 1874 il Colonello dell’Esercito Imperiale,

Nakamura Shigeto ( 中村重遠 ) si impegnò personalmente per Salvare il Castello.

Nakamura fece pressione sui nuovi Ministri per fare in modo che il Castello venisse salvato.

Inoltre fece uso dei soldi dell’Esercito per la manuntenzione della fortezza.

Dato che in anni di incuria acqua e vento avevano fatto danni notevoli.

Ma il nuvo Esercito Imperiale non disponeva ancora di molti fondi, così i lavori vennero fatti frettolosamente.

Grazie all’Impegno del Colonello Nakamura, il Castello di Himeji si salvò.

I Cittadini di Himeji, per ringraziarlo Eressero in Suo Onore un Monumento.

 

2008.4-9(5) 1297
il pozzo di Okiku, la ragazza uccisa e gettata nel pozzo da un usurpatore del Castello. Con la falsa accusa di aver rubato un prezioso piatto sui dieci del Tesoro del Castello. La sua anima tutte le sere torna a contare dal fondo del pozzo i preziosi piatti. Arrivata a nove si ferma. e ricomincia da capo… in Eterno.
2008.4-9(5) 1290
Nel 1580 Toyotomi Hideyoshi. Non riusciva a trovare un numero adeguato di pietre per ampliare il Castello di Himeji. Così un’anziana signora che lavorava con una macina di pietra decise di donare lo strumento per il suo lavoro a Hideyoshi. Questi fù entusiasta del gesto dell’anziana signora. Inoltre questo fù di sprone a tutti i sudditi. ed in breve furono trovate le pietre per ultimare i lavori del Castello. La pietra dell’anziana signora è stata però trattata con grande rispetto.
DSCN2027
Interno delle Piattaforme del Restauro 2009 – 2015. Ultimo piano.
2008.4-9(5) 2220
Il Castello in primavera. Con i fiori di Ciliegio.
DSCN6353
Lavori di restauro del secolo scorso.
DSCN2021
Tegole con impressi i Simboli dei Signori del Castello.

DSCN6344 DSCN6352 2008.4-9(5) 12542008.4-9(5) 1247

 

 

2008.4-9(5) 12312008.4-9(5) 12152008.4-9 073 DSCN6399DSCN2022

 

2008.4-9(5) 17332008.4-9(5) 21942008.4-9(5) 18822008.4-9(5) 18812008.4-9(5) 17372008.4-9(5) 1733

 

 

2008.4-9(5) 2003

Nel 1879 viene deciso di mantenere intatto il Castello di Himeji.

Perciò viene data una somma per il restauro mantenimento del Castello.

Nel 1908 Il nuovo Comandante della Guarnigione Imperiale di Himeji.

Il Colonello Ishimoto Shinroku ( 石本新六 ) oltre a prendere il posto di Nakamura, riprese con forza l’idea di preservare il Castello di Himeji.

Anche perchè lui stesso era nato a Himeji

E grazie anche al sentimento dei cittadini di Himeji che erano disposti, oltre a dare denaro anche a lavorare personalmente per riportare all’Antico Splendore il Castello dell’Airone Bianco.

Nel 1909 il Colonello Ishimoto ,  dopo aver fatto continue pressioni sui Ministri,  ottenne dallo stato 93000 yen.

Una somma di denaro che aggiunta a quella raccolta dai privati cittadini permise di poter fare lavori di restauro adeguati, sotto la Super Visione dell’Esercito Imperiale ( anche ai giorni nostri i lavori di manuntenzione del Castello vengono eseguiti in parte dalle Forze di Autodifesa Giapponesi )

 

La Guerra Mondiale.

Verso la fine della Seconda Guerra Mondiale la Città di Himeji venne bombardata dagli americani, gran parte del centro della città distrutto.

Con innumerevoli vittime civili.

Anche la zona del Castello venne bombardata ma il complesso non subì grossi danni.

Una bomba incendiaria incastrata nell’ultimo piano del Castello, miracolosamente non esplose, ed il Castello si salvò ancora una volta.

 

Nel 1956 inizio un grande lavoro di restauro del Castello.

 

Il 17 gennaio 1995 il Grande terremoto Hanshin distrusse la città di Kobe, distante circa 50 chilometri da Himeji, ma il Castello rimase in pratica integro.

Neanche le Bottiglie di Sakè poste nel Tempio Shintoista che si trova all’Ultimo piano del Castello caddero.

 

Dal 2009 al 2015 il Castello di Himeji viene Completamente Restaurato.

Viene chiuso in maniera sequenziale in alcune aree interne.

Una Grande Installazione Temporanea con impalcature Esterne viene eretta per poter lavorare in modo ottimale.

I turisti possono accedere ( come ho fatto anch’io ) per mezzo di ascensori e scale. Le installazioni sono divise in due parti. In una lavora il personale che restaura.

Nella seconda i turisti possono vedere attraverso vetrate speciali l’andamento dei lavori.

Tutto il materiale è stato preparato ed assemblato in modo impeccabile.

 

Il Castello appare frequentemente nella televisione giapponese.

Per esempio, il Castello dove vive Sua Maestà Imperiale, l’Imperatore del Giappone, a Tokyo, non possiede un Maschio, perciò se una produzione televisiva vuole ambientare qualche film a tema storico, fa ricorso al Castello di Himeji.

 

Alcuni film famosi dove appare il Castello di Himeji.

  • Agente 007 – Si vive solo due volte, con Sean Connery (1967), dove il castello è la scuola segreta di addestramento dei ninja e il centro di sviluppo delle armi di Tiger Tanaka, un alleato di James Bond;
  • Ran, di Akira Kurosawa (1985); splendido affresco del Periodo Feudale Giapponese
  • L’ultimo Samurai, con Tom Cruise (2003), dove il castello viene utilizzato in alcune scene imbiancato da neve artificiale;
  • Shogun – Il signore della guerra, con Richard Chamberlain (1980), girato in parte al castello di Himeji  ( anche se nel film viene chiamato castello di Osaka.)

 

Il 27 marzo 2015, davanti a migliaia di persone.

Viene Celebrata la Riapertura del Castello.

Salutata dal volo degli aerei della Pattuglia Acrobatica Giapponese.

 

Adesso il Castello di Himeji è ritornato all’antico Splendore.

E’ tornato l’Airone Bianco.

 

Giuliano Magalini

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *